Dante e l’armonia delle sfere

Fabrizio Galvagni - Dante e l'armonia delle sfere

Dischi da leggere. Sembra una contraddizione, ma non è così. D’altra parte è sufficiente dare un’occhiata all’impianto argomentativo del prezioso volume di Galvagni per renderci conto – subito – che nel rock esiste una filiera di (capo)lavori legati al mondo della lettere. Il link dall’ascolto alla lettura diventa una sorta di produttivo automatismo capace di avviare una circuitazione – talora illusoriamente perpetua – tra prodotto discografico e fonte letteraria. Sei spinto a (ri)leggere il canto di Paolo e Francesca, forse perché lo hai ascoltato nell’omonima traccia di UT dei New Trolls e viceversa. Girandole di dantismo rock. Ma non solo. (Dalla prefazione di Riccardo Storti)

Dante e l’armonia delle sfere è un libro da leggere e da ascoltare . Pagine che raccontano, con la passione del musicista e la precisione del professore, quanto e come la musica Rock, ma non solo quella, si sia ispirata a Dante e all’eterna contemporaneità della sua Commedia.
The Trip, New Trolls, i Giro Strano, Metamorfosi e Colussus Project e tanti altri gruppi sono protagonisti di questo avvincente itinerario dantesco. E ancora: Dante e la Kosmische Musik, l’heavy metal, lo sperimentalismo polifonico, il jazz, il rap e la musica colta contemporanea.

Allegato al libro un CD in omaggio che è un’interessante antologia di brani eseguiti da band rappresentative della scena progressive mondiale del momento. Dall’Italia, agli Usa, all’Argentina, passando dalla Finlandia, fino alla Russia. Una compilation curata da Marco Bernard (Colussus Project) e Matthias Scheller (AMS) due vere autorità internazionali nella discografia Prog.

Proudly powered by WordPress   Premium Style Theme by www.gopiplus.com