Solomon Burke

Soul Books Vol 10

Con interventi di:
Peter Guralnick e Scott Billington

Pur essendo nato e cresciuto a Philadelphia, diede un contributo insostituibile alla preparazione di quella miscela di gospel, country, pop e blues conosciuta come soul sudista.
Quando Solomon Burke firmò per la Atlantic Records, nel 1960, riempì il vuoto causato dal passaggio di Ray Charles alla concorrenza.
Modestamente, l’uomo che volle farsi re del rock and soul si riteneva il miglior cantante del mondo. Ma guai a puntare tutto su una carta sola! Oltre a seguire l’intera filiera dei suoi spettacoli, gestiva una catena di fast food, una società di assistenza agli orfani e una casa editrice musicale. Laureato in scienze funerarie, era pure titolare di un’impresa di onoranze funebri e, naturalmente, vescovo nella chiesa fondata da sua nonna, la House of God for All People.

 

QUESTA COLLANA È SUPPORTATA DA
scritta+oldlogo-2-trasp-nero

COL SOSTEGNO DEL

logo festivalALTA DEFINIZIONE

DIRETTORE DI COLLANA: ALBERTO CASTELLI

Fan-page-logo

Proudly powered by WordPress   Premium Style Theme by www.gopiplus.com